~ Paura del buio

In quella stessa ora che dona un corpo alle cose invisibili, sogni, stelle, spiriti e amanti, Andrea si infilò sotto il lenzuolo di Margherita, si accoccolò contro la sorella. Il corpo tiepido di lei lo rassicurò e dopo qualche minuto di silenzio disse:
“Ho paura del buio.”
“Il buio non c’è, Andrea.”
“Invece si.”
“Il buio è la luce spenta.”
“Nel buio ci sono i mostri. Alla luce non si vedono.”
“Tu li hai mai visti?”
“Si.”
“E com’erano?”
“Brutti.”
“Perché, cosa facevano?”
“Paura.”
“Come?”
“Con il buio: come fanno i mostri. Ti fanno paura perché si nascondono, ma ci sono.”
“Dove si nascondono?”
“Negli angoli, nei buchi, ed escono col buio. Di giorno ti seguono da dietro, non hanno il coraggio di venirti davanti perché la luce li soffia dietro di te. Però copiano tutto quello che fai. “
“Perché?”
“Sono invidiosi”
“E fanno male?”
“Si.”
“Come?”
“Con il buio”
“Ah..”
“Ma anche loro hanno paura”
“Quale?”
“Sono sempre soli e ti attaccano quando sei solo anche tu”
“E se siamo in due?”
“Non attaccano.”
“Perché?”
“Perché in due c’è luce.”
“Ma se è tutto buio!”
“No, c’è una luce che solo i mostri vedono.”
“Che luce?”
“La luce che si accende quando due persone sono vicine e si abbracciano, come nella lampadina.”
“Che c’entra?”
“Dentro la lampadina ci sono le braccia e in mezzo passa la luce”
“E come mai noi non la vediamo?”
“Perché è una luce nascosta, si vede solo nei disegni.  Quando due si vogliono bene, nessun mostro può fare niente.”
“Ci sono molti mostri qui a casa?”
“Adesso sì, perché prima la luce di papà e mamma li teneva lontani.”
“E ora?”
“La luce si è fulminata. Ora stanno uscendo tutti dagli angoli e dai buchi. E hanno fame.”
“Cosa mangiano?”
“Il sonno.”
“Il sonno?”
“Sì, loro ti tengono sveglio e tutto il sonno che tu vuoi dormire lo risucchiano.”
“E cosa ci fanno?”
“Crescono, diventano sempre più grandi.”
“E poi?”
“Poi non entrano più nei buchi e negli angoli e allora vanno dappertutto.”
“Mmm..”
“Dobbiamo farli morire di fame…”
“Come?”
Andrea abbraccio la sorella, chi ha un amore che veglia può dormire sonni tranquilli. 
 
 
 
 
© Cose che nessuno sa – Alessandro D’Avenia
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...