~ DIY #1

E’ da tempo che rifletto sull’aprire una rubrica di DIY (abbreviazione di Do It Yourself, equivalente dell’italiano Fai da te) e finalmente è arrivato il momento di farlo.

diy

Diversi mesi fa, a seguito di un giretto nel mio solaio, recuperai una poltroncina molto vecchia che decisi di restaurare e portare a nuova vita.

Prima di partire con foto e tutto il resto voglio dirvi che troverete alcuni miei consigli nel caso anche voi abbiate un progetto simile in mente.

Partiamo!

La poltrona era questa che vedete nell’immagine sotto: di piccole dimensioni, bassa, rivestita di una stoffa color senape e dalla struttura in legno.

prima
La prima operazione fu quella di togliere le borchiette che tenevano il tessuto ancorato alla struttura.
La ricordo come una lunghissima operazione, e anche se è passato diverso tempo, al solo pensiero di tutto quel lavoro le mie povere mani sentono ancora dolore!
Dopo aver staccato tutti i piccoli bottoncini (sembravano non finire mai!), asportati la stoffa di rivestimento, cercando di non romperla (fidatevi, questa operazione vi tornerà molto utile nei passaggi che troverete descritti di seguito), e la gomma piuma che, come si può vedere dai rimasugli presenti sul pavimento, era in pessimo stato.
 terza     quarta
Una volta finito il lavoro “certosino”, passai con l’aspirapolvere l’intera poltrona per asportare il più possibile la polvere rimasta nelle intercapedini, decisi di passare una mano di vernice protettiva trasparente sulla struttura.
La mano (o le mani) di vernice protettiva possono tornarvi utili se anche voi come me amate leggere all’aperto e volete proteggere la vostra poltroncina dalle intemperie.
Mentre la vernice protettiva asciugava, mi dedicai al lavoro per me più duro: la scelta della stoffa!
Nel mio giro di ricognizione in soffitta, trovai scatole e scatole di stoffa. La mia scelta ricadde su questo tessuto:
20140920_113424
La base è color crema e i disegni, che mi ricordano un po’ le incisioni rupestri sulle pareti delle caverne, sono sui toni dell’arancione (il mio colore preferito). sono capaci di dare importanza ad una poltrona che per troppi anni è rimasta in un angolo.
Se non avete a disposizione della stoffa, potete usare delle vecchie tende oppure delle lenzuola che potete tingere del colore che preferite.
Immediatamente pensai che questi colori si sposavano benissimo con il marrone più scuro del legno.
Riportai sulla nuova stoffa le dimensioni della seduta, dello schienale e del retro-schienale, è per questo motivo che durante il primo passaggio usai molta cautela. Una volta terminato il lavoro di riporto, tagliai, seguendo i bordi, la nuova stoffa.
Prima di fissare la stoffa con la sparapunti, presi della gomma piuma, ripetei il passaggio descritto sopra stando leggermente più abbondante con le dimensioni, e ricostruii la seduta e lo schienale.
Non fidatevi della gomma piuma: sembra morbida e facile da lavorare ma non è così!
Se si fissa male su di un lato si corre il rischio di strapparla quando la si tira per ancorarla al lato opposto. Adoperate tutta la vostra attenzione in questo passaggio.
 Fissai poi la gomma piuma e la stoffa al legno della struttura.

Decisi di decorare il retro schienale con delle borchiette, molto simili a quelle originali.

20150906_180726

Nei punti più critici mettetele più vicine tra loro in modo che il tessuto non scappi.

Ed eccovi il risultato finale: è davvero comodissima!

 finelicia
Annunci

2 pensieri su “~ DIY #1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...